• Type:
  • Genre:
  • Duration:
  • Average Rating:

Blog

Il nostro Blog

NuA 360°

PROGETTO: NuA360°

Dal 1 gennaio 2020,  sarà disponibile per gli intermediari assicurativi un nuovo progetto che abbiamo definito NuA360°.

Motivazioni del progetto: Nasce da bisogni rilevati sul campo, in diversi casi esperimentati già con successo, legati sostanzialmente alla “ottimizzazione” dell’attività delle Agenzie di Assicurazione a 360°e quindi a supporto degli Agenti/Brokers nella loro attività e nella presa di decisioni oggi più che mai cruciali per la continuità profittevole delle loro realtà. Tali bisogni hanno a che fare con valutazioni strutturali (organizzazione dell’agenzia, tipologia di società ed eventualmente creazione di “nuove società”, passaggio generazionale, ecc) così come con aspetti commerciali legati all’ incremento del cross e del upselling in modo efficace ed efficiente, coinvolgendo quindi tutti i ruoli presenti nella struttura (Agenzia). Una vera attività di marketing esterno ed interno a supporto degli Agenti/Broker.

Obiettivo di questo progetto: E’ l’ottimizzazione dell’attività di intermediazione assicurativa a 360°, mettendo in condizione gli intermediari assicurativi di relazionarsi con la propria clientela in maniera profittevole applicando i principi del Nudging Assicurativo, il quale si basa su nuove teorie economiche e di relazione con la clientela che portano ad una fidelizzazione duratura nel tempo.

Struttura del percorso: Si suddivide in tre parti principali:

  1. Psicologia del Rischio e Metodo Condor © (formazione): dove in due giornate presso l’intermediario si affronteranno tutti gli argomenti di vendita e relazione con la clientela attraverso il percorso formativo “La Psicologia del Rischio – Cambiamento di paradigma nella consulenza e vendita assicurativa”© Patty Chada);
  2. Recupero redditività (analisi ed intervento formativo): in una giornata verranno affrontati argomenti come il Conto Economico di agenzia, le campagne di reclutamento e di vendita, il recupero della redditività, azioni di Cross ed Up Selling;
  3. Gli aspetti gestionali e contabili (tempo da definire in funzione della dimensione dell’agenzia/Broker): esame della forma di conduzione dell’azienda intermediaria (individuale o societaria), valutazione della relativa economicità, anche in termini di recupero di marginalità e risparmio fiscale; gestioni contabili; assetti societari e studio di fattibilità in materia di trapasso generazionale in azienda.

I punti 1 e 2 saranno a cura di Patty Chada, Leonardo Alberti e Piero Bastia, mentre il punto 3 sarà a cura di Ettore Babini dottore commercialista.

La Prosp&thics Counselling, società di consulenza e di formazione il cui principio è il “brokeraggio formativo e di consulenza” è capace di fornire in modo modulare altre tipologie di formazione e consulenza appoggiandosi ai maggiori esperti del settore. La decisone e quindi scelta di altri ambiti d’intervento, verrà valutata in funzione di nuovi bisogni che potranno emergere e quindi durante la creazione  di un progetto personalizzato.

Il costo del percorso sarà in funzione della dimensione della realtà dell’intermediario e del numero di giornate di presenza degli esperti.

Si ipotizza il calcolo di una parte fissa ed una variabile, quest’ultima in percentuale agli effettivi risultati ottenuti secondo dei parametri di valutazione concordati fra la struttura NuA360 e l’intermediario; da valutare con le singole realtà coinvolte.

Dal 1 gennaio 2020 sarà disponibile per gli intermediari assicurativi un nuovo progetto che abbiamo definito NuA360°.

Obiettivo di questo progetto che si basa sulle nuove teorie economiche e di relazione con la clientela è quello di mettere in condizione gli intermediari assicurativi di relazionarsi con la propria clientela in maniera profittevole applicando i principi del Nudging Assicurativo.

Il progetto è composto da tre parti principali:

  1. Psicologia del rischio e metodo Condor (formazione): dove in due giornate presso l’intermediario si affronteranno tutti gli argomenti di vendita e relazione con la clientela attraverso il percorso formativo “la Psicologia del rischio – © Patty Chada);
  2. Recupero redditività (analisi ed intervento formativo): in una giornata verranno affrontati argomenti come il Conto Economico di agenzia, le campagne di reclutamento e di vendita, il recupero della redditività, azioni di Cross ed Up Selling;
  3. Gli aspetti gestionali e contabili (da una a tre giornate a seconda della dimensione dell’agenzia/Broker): valutazione economica dell’intermediario, recupero di marginalità, assetti societari e studio di fattibilità della successione (di padre in figlio), verifiche economico fiscali.

I punti 1 e 2 saranno a cura di Patty Chada, Leonardo Alberti e Piero Bastia, mentre il punto 3 a cura di Ettore Babini commercialista specializzato nella gestione delle problematiche degli intermediari assicurativi.

Il costo del percorso sarà in funzione della dimensione della realtà dell’intermediario e del numero di giornate di presenza degli esperti. Ci sarà una parte fissa ed una variabile in percentuale agli effettivi risultati ottenuti secondo dei parametri di valutazione concordati fra la struttura NuA360 e l’intermediario.

Notizie sulla società e CV dei formatori

FEATURED

Sputtaniamo il nostro settore attraverso il “lead generation funnel”

Già solo il nome a mio avviso dovrebbe farci comprendere quanto questa metodologia di markerting, che mal si adatta al professionista serio del mercato assicurativo, sia stata inventata per quelle che fanno fatica a trovare clienti in modo tradizionale.

Ascoltare con gli occhi!

Charlie Chaplin che diceva:Quello che gli altri pensano di me è un problema loro”
Ecco la semplice chiave della Autostima! Una volta
strutturata la nostra percezione di “noi” e radicato il convincimento che essa
è vicinissima al nostro “sé” ideale, allora potremmo comunicare in maniera
corretta.

Polizza del Capo Famiglia tasso di interesse 0,008%

C’è allora qualcosa che non va; da una parte noi operatori del mercato riteniamo fondamentale come prima scelta da parte della nostra clientela, dopo la polizza, obbligatoria dell’auto, una polizza del Capo Famiglia, ma nella realtà dei fatti non siamo capaci di farla sottoscrivere dal nostro cliente o convincerlo della sua necessità o peggio non la proponiamo proprio.

Il futuro degli intermediari

Bisogna cominciare a rifletterci seriamente. Il mercato è preoccupato di cosa succederà fra 3 anni, ma nessuno si sta attrezzando per un cambiamento del proprio modo di essere assicuratori.

Quale potrebbe essere uno scenario futuro?

Sicuramente la polizza auto per clienti monopolizza non sarà più sottoscritta attraverso gli intermediari tradizionali. Questo business sarà quindi gestito dall’online, dalle banche e dai nuovi player, ad es: Amazon. E quindi ?

Semplice, gli intermediari dovranno cambiare il sistema relazionale attraverso un diverso modo di approcciare il cliente; il sistema consulenziale sarà una vera e propria innovazione dove i principi della Psicologia del Rischio saranno la reale base della consulenza. Va da se che in questi due anni gli intermediari dovranno riprogrammare la loro agenzia partendo da un diverso mix di portafoglio, riallacciare la relazione con la propria clientela e ripulire le agenzie da quei clienti che hanno fatto una scelta esclusivamente di “prezzo” nell’acquisto della polizza.

Il cross selling e l’up selling, mai come ora saranno le chiavi per recuperare redditività. In un mercato dove lo strumento assicurativo della polizza del “Capo Famiglia” è praticamente quasi sconosciuto alle famiglie italiane, dove la polizza LTC, che a mio avviso dovrebbe essere obbligatoria per legge, non viene quasi mai proposta.

Spesso quando sono in aula chiedo sempre a chi partecipa ai miei corsi quali secondo loro dovrebbero essere le coperture da proporre alla clientela ed in quale ordine. A tale proposito mi piacerebbe lanciare un sondaggio fra tutte le persone che mi leggono per capire secondo loro quale è il reale cross-selling che hanno i loro assicurati e quale la percentuale delle polizze che sono sottoscritte dalla clientela.

Partecipate al sondaggio in modo che possiamo vedere quale è la vostra percezione:

https://it.surveymonkey.com/r/T69C2VN

Nudging assicurativo: la rivoluzione nel mondo delle polizze

L’economia comportamentale, di cui il neo premio Nobel è universalmente riconosciuto come uno dei suoi fondatori, è la branca della scienza che descrive i fenomeni finanziari applicandovi i principi della psicologia, quei “tratti umani che – spiega l’Accademia delle scienze svedese – influenzano sistematicamente le decisioni individuali e gli esiti del mercato”.

Approccio euristico

…Siamo portati a credere che un africano alto due metri abbia maggiore probabilità di diventare un giocatore di basket rispetto ad un ebreo alto un metro e sessantacinque.

Scroll to top